Archivi

Teoria obbligatoria

“È l’esame più noioso che abbia mai fatto. Ma se vuoi andare all’università devi passarlo”. Teoria Comunista, nientemeno. Dalle tesi di Marx a quelle di Mao e Deng. Se vuoi entrare all’università, non c’è modo di evitarlo. Al momento dell’esame – racconta Melody, la studentessa con cui sto pranzando – il professore ti aiuta, lo […]

Continua a leggere

Il meraviglioso mondo dei Parchi del Popolo

Più che un luogo fisico, i People’s park sono un fenomeno sociale. A me hanno dato l’idea di un nido, un intreccio di alberi, vie frondose, ampie piazze e laghi in cui trovare riparo. Mura verdi che isolano e proteggono dal vortice insensato della modernità, custodi del ritmo naturale delle cose. Ed è con quel […]

Continua a leggere

Il compromesso nazionale

Il compromesso è semplice: voi non vi occupate di politica, loro si intromettono il meno possibile nei vostri affari. E in effetti ai cinesi, di parlare di politica, non piace proprio. Un designer con cui ho avuto l’occasione di cenare a Shanghai si è spinto a dire che, a lui e ai suoi connazionali, del […]

Continua a leggere

Avere diciott’anni in Cina

Gongola nella sua spensierata innocenza, un metro e ottanta di pingue ingenuità e rada peluria. Dice di avere 18 anni, figlio di secondo letto di un padre impiegato pubblico. Ha 3 amici, tutti suoi vicini di casa. Le altre relazioni umane sono sui social. È stato in Francia una volta e ricorda quanto fosse bella […]

Continua a leggere

Come trovare marito al parco

Quattro anni fa, durante un viaggio tra Tehran e Calcutta, mi sono improvvisamente reso conto di quanti giovani si sposassero su indicazione dei genitori. Nell’Himachal Pradesh, nel Nord Ovest dell’India, mi ritrovai a sfogliare un’intera rivista dedicata all’incontro tra ragazzi e ragazze in età da matrimonio. A pubblicare i profili non erano i diretti interessati, […]

Continua a leggere

“Everyone is civilized, everywhere is harmonious”

È una delle tipiche frasi di propaganda che si incontrano viaggiando in questo Stato. Tra le parole d’ordine del moderno PCC ci sono anche “prosperità moderata” e “unità”. Come ogni propaganda che si rispetti, decanta ciò che non esiste. Anche l’armonia, soprattutto se riferita allo sviluppo, sembra mancare. Alcuni esempi: nel 2016 venne annunciato un […]

Continua a leggere

Fiori di pesco, mazzette e anfetamine

Hanno persino attaccato dei finti fiori di pesco a un finto tronco d’albero. Così che il turista, quando scatta la foto della piazza centrale del paese, avrà sempre l’impressione di un’eterna primavera. Quei fiori sono il simbolo della sceneggiata messa in piedi a Yangshuo, affollato centro turistico nel Nord Est del Guanxi. E Yangshuo è […]

Continua a leggere

La “Libertà” è vaga

Mi mostra la traduzione dal cinese all’inglese sul suo cellulare, annuendo di fronte al mio sorriso amaro: la frase è “In China, the idea of “freedom” is vague”. Stava proprio cercando l’aggettivo “vaga”. Con tutte le enormi differenze del caso, l’agente immobiliare con cui mi ritrovo a bere qui a Shanghai ritiene che lo stesso […]

Continua a leggere

Dall’umiliazione alle stelle

“Immagina che tu sia un contadino, intento a zappare la terra e cacciare con il tuo arco. Un giorno arriva un soldato straniero e ti punta il fucile in faccia, stupra tua moglie e impone la sua legge. Tu cosa faresti?”. A ricostruire il dramma è un laureato in Economia incontrato a Kunming, una tranquilla […]

Continua a leggere

E’ arrivata la Cina

Ricordo ancora la desolazione che provai al mercato di Marivan, un piccolo villaggio curdo a ridosso della frontiera irachena, quando mi resi conto che la maggior parte delle merci esposte era made in China. L’Africa, in questo, non è seconda a nessuno. A Dabark, porta d’ingresso ai monti Simiens, la catena più alta d’Etiopia, pomodori […]

Continua a leggere